Perché il Bluetooth prende il nome da un re danese

cos'è il bluetooth king harald

Certo, hai familiarità con la tecnologia Bluetooth. Lo usi per il trasferimento di file tra quello smartphone e il tuo tablet, o forse lo trovi perfetto per collegare altoparlanti e cuffie portatili o per collegare un mouse o una tastiera wireless al tuo PC o laptop. Ma cos'è il Bluetooth? E che diamine ha quel nome strano?

In breve, è una tecnologia di comunicazione wireless a corto raggio che utilizza le onde radio per trasmettere informazioni, proprio come il Wi-Fi. Ma laddove quello standard wireless gestisce reti semi-permanenti e può farlo a grande distanza, il Bluetooth è in genere più limitato e personale di così.

Probabilmente ha anche un nome molto più bello. La parola Bluetooth deriva dall'epiteto del re danese del X secolo, Harald "Bluetooth" Gormsson , che unì le tribù danesi in un unico Regno. Proprio così, la tecnologia Bluetooth è stata progettata per unire dispositivi wireless altrimenti disparati. Il logo è persino modellato sulle rune nordiche per le sue iniziali. Ma perché esattamente prende il nome da Gormsson? Ecco la storia precedente.

La storia di origine del nome strano Bluetooth

Ecco lo scoop, Betty Boop: Flash risalente al 1996, quando Nirvana era il re delle onde radio, i Pokemon erano ovunque (e lo sono ancora!), Bill Clinton era appena stato rieletto e gli Yankees hanno vinto le World Series, alla grande dispiacere dei fan di Red Sox. Una cabala di luminari tecnologici si stava incontrando a Lund, in Svezia, in uno stabilimento di Ericsson, per sviluppare nuove tecnologie wireless a corto raggio. Il gruppo includeva persone provenienti da Intel, Nokia, Ericsson e altri, secondo un account scritto da Jim Kardach , capo architetto capo in pensione di Intel.

Secondo il racconto di Kardach, lui e Sven Mathesson di Ericsson avevano tenuto una presentazione in un precedente viaggio d'affari a Toronto, e quella sera erano partiti per un giro invernale nei pub. Lasceremo a Kardach raccontare il resto: “Essendo un grande fan della storia, scambierei storie di storia con Sven. Ora Sven sapeva molto sulle radio, ma non troppo sulla storia, ma aveva letto questo libro (che in seguito mi ha dato una copia) chiamato Longships di Frans G. Bengtsson e avrebbe messo in relazione la storia attraverso questa storia ”, Kardach ha scritto. "In questo libro un paio di guerrieri danesi viaggiano per il mondo in cerca di avventura e il re in questo periodo era Harald Bluetooth."

Kardach ha scavato nel nome bizzarro e ha scoperto in seguito che Bluetooth univa la Danimarca e cristianizzava i danesi. Sembrava un nome in codice ideale per una tecnologia che unificasse i dispositivi tramite trasmissioni radio a corto raggio. Ma i nomi in codice sono nomi in codice e i nomi dei prodotti sono … noiosi. Alla fine il gruppo si stabilì su PAN, per la rete di area personale. Ecco il kicker, ancora una volta, nelle parole di Kardach:

“Circa una settimana dopo, fu convocata una riunione di emergenza. Le altre società associate avevano effettuato una ricerca per marchio sulla parola PAN e avevano ipotizzato che questo sarebbe stato un candidato scadente per un marchio: una ricerca su Internet ha prodotto decine di migliaia di hit. Si è scoperto che non è stata effettuata alcuna ricerca di marchio sul nome di backup (Radio Wire) e l'unico nome con cui potremmo andare per lanciarlo in breve tempo era Bluetooth! ”

Come funziona il Bluetooth?

Il Bluetooth funziona inviando informazioni su onde radio ad altissima frequenza e opera all'interno delle bande radio industriali, scientifiche e mediche (ISM). Funziona tra le frequenze 2.4 e 2.485 GHz, proprio come fanno molti dispositivi Wi-Fi, il che può creare problemi di interferenza quando entrambe le tecnologie sono in esecuzione contemporaneamente o se più dispositivi operano nella stessa area.

Laddove il Wi-Fi funziona in modo asimmetrico (con un unico punto di accesso e più dispositivi), il Bluetooth in genere funziona in modo simmetrico, con un dispositivo Bluetooth collegato a un altro. Sebbene sia possibile collegare fino a otto dispositivi su una singola rete personale (PAN), nel caso di smartphone, in genere significa collegare due portatili insieme per i trasferimenti di file, oppure uno smartphone e un altoparlante Bluetooth.

A differenza del Wi-Fi, le connessioni Bluetooth non utilizzano il pacchetto dati cellulare perché non trasmettono i dati tramite le onde radio nello stesso modo. Bluetooth è esclusivamente la trasmissione da dispositivo a dispositivo senza intermediari.

Il Bluetooth funziona in genere su brevi distanze per risparmiare energia. Sebbene sia possibile che il Bluetooth funzioni entro un raggio di 100 metri, questo è molto raro, con la maggior parte dei dispositivi che operano in genere a 10 metri l'uno dall'altro.

Per rendere più difficile lo snooping sulle sue trasmissioni radio, il Bluetooth utilizza uno spettro di diffusione adattivo di salto di frequenza che modifica automaticamente la frequenza radio fino a 1.600 volte al secondo. I dati trasmessi vengono suddivisi in pacchetti e quindi trasmessi attraverso i canali selezionati casualmente, evitando quelli particolarmente occupati. Questa è solo un'area che è stata migliorata attraverso le generazioni successive di tecnologia Bluetooth.

Cosa usa il Bluetooth?

Sebbene originariamente progettato pensando a un uso specifico, oggi il Bluetooth viene utilizzato in tutti i tipi di dispositivi, sia intelligenti che non, per l'invio di dati su brevi distanze. L'altoparlante wireless e le cuffie wireless comunicano con il tuo smartphone o hub di casa utilizzando la tecnologia Bluetooth e se la tua auto ha solo pochi anni, probabilmente offre la connettività Bluetooth al suo sistema audio, anche se aggiungerlo anche alle auto più vecchie è facile .

La maggior parte dei laptop è dotata di Bluetooth integrato per facilitare il collegamento di periferiche wireless come tastiere, mouse e in alcuni casi stampanti e scanner. A volte anche i PC desktop ce l'hanno, ma più comunemente vedrai il Bluetooth aggiunto tramite un dongle USB.

La maggior parte delle console di gioco utilizza il Bluetooth in qualche modo per le connessioni wireless, ma solo la PS4 supporta nativamente dispositivi Bluetooth di terze parti. Ecco come connettere il tuo alla tua PS4 .

Più recentemente, i dispositivi Internet of Things (IoT) hanno iniziato a supportare la tecnologia Bluetooth. Può essere un modo a bassa potenza per mantenerli collegati a un hub centrale o dispositivo mobile. Tuttavia, è altrettanto probabile che siano connessi alla rete Wi-Fi, soprattutto se alimentati tramite una presa di corrente.

Versioni Bluetooth

Il Bluetooth è stato concepito per la prima volta nella sua forma concettuale alla fine degli anni '80 come un modo per creare cuffie wireless, ma non è stato fino al 1994 che è stato realizzato come una tecnologia attualizzata da un team di Ericsson guidato dal Dr. Jaap Haartsen. Occorrerebbero altri quattro anni affinché le specifiche per i dispositivi compatibili Bluetooth vengano finalizzate dal Gruppo di interesse speciale Bluetooth . A quel tempo era composto da cinque società: Ericsson, IBM, Intel, Nokia e Toshiba. Oggi ne fanno parte oltre 30.000 aziende.

Bluetooth 1.0 è stato ripetuto come 1.0a e 1.0b nel 1999 per correggere alcuni problemi minori, e di nuovo come versione 1.0b + CE nel 2000. I primi telefoni cellulari, schede PC e laptop dotati di Bluetooth sono stati rilasciati nello stesso anno. Altri prodotti seguiranno negli anni successivi, tra cui l'auricolare Bluetooth a lungo desiderato che ha contribuito a dare il via allo sviluppo dello standard in primo luogo.

Lo standard Bluetooth 2.0 è stato rivelato nel 2004 e ha introdotto Enhanced Data Rate, che ha migliorato la velocità di trasferimento fino a 3 Mbit al secondo. Ha inoltre ridotto i requisiti di alimentazione, che sarebbe un obiettivo costante degli sviluppatori Bluetooth negli anni a venire.

Le velocità sono state nuovamente migliorate da Bluetooth 3.0 nel 2009, aumentando le velocità teoriche dei dati a 24 Mbit al secondo, sebbene sia con il suo successore, Bluetooth 4.0, sia sfruttato lo standard 802.11 (più comunemente usato in Wi-Fi) per i trasferimenti più veloci.

Probabilmente il più grande aggiornamento con la quarta generazione di Bluetooth è arrivato con l'iterazione 4.2: Bluetooth Low Energy. Oggi la maggior parte degli smartphone in tutto il mondo supporta lo standard e consente una copertura e una larghezza di banda simili, riducendo al contempo i requisiti di alimentazione per la trasmissione dei dati, tra il 50 e il 10.000 percento a seconda del caso d'uso. Questo è stato progettato non solo per ridurre le richieste Bluetooth sui dispositivi controllati dall'utente, ma per facilitare il funzionamento degli altoparlanti portatili, dei fitness tracker e dei dispositivi Internet of Things per un periodo molto più lungo tra una ricarica e l'altra.

Bluetooth 5 è stato introdotto nel 2016 con maggiore sicurezza e maggiore flessibilità per velocità e portata. I dispositivi di supporto possono sacrificare l'uno per l'altro, aumentando da due a quattro volte se necessario. Bluetooth 5.1 è stato introdotto alla fine di gennaio 2019 e ha aggiunto una funzione per aiutare a trovare la posizione fisica dei dispositivi di trasmissione, che potrebbe essere utile per trovare oggetti smarriti dotati di tag Bluetooth. Potrebbe anche essere sfruttato per innescare la visualizzazione di contenuti pertinenti sulla visualizzazione delle informazioni negli spazi pubblici come i musei.

Uno dei principi fondamentali della tecnologia Bluetooth è che sono tutti retrocompatibili. Qualsiasi dispositivo Bluetooth moderno, indipendentemente dalla versione supportata, supporterà anche i dispositivi che utilizzano le versioni precedenti della tecnologia.