Instagram vuole essere sia YouTube che TikTok, ma non riesce in nessuno dei due

instagram igtv tiktok youtube 2020 analisi interrotta

Una settimana fa, Instagram ha annunciato che stava premendo il pulsante arancione IGTV che era appollaiato sulla sua app di social network da miliardi di utenti. Il portale ben visibile su IGTV all'interno dell'app di proprietà di Facebook aveva lo scopo di dare il via alla ricerca di Instagram di essere la nuova era di YouTube. Ma due anni dopo, IGTV sembra essersi trovato nel mezzo di una crisi di identità.

Originariamente presentato come una piattaforma video verticale per una prima generazione di spettatori mobili, IGTV ha faticato a produrre le stesse figure delle altre recenti iniziative di Instagram come Storie.

"Abbiamo appreso che la maggior parte delle persone sta trovando contenuti IGTV attraverso le anteprime in Feed, il canale IGTV in Explore, i profili dei creatori e l'app autonoma. Pochissimi stanno facendo clic sull'icona IGTV nell'angolo in alto a destra della schermata iniziale nell'app Instagram ”, ha detto un portavoce di Instagram in merito al licenziamento del pulsante IGTV.

In realtà, tuttavia, le preoccupazioni di IGTV sono peggiori di quelle che Instagram vorrebbe ammettere. Le ricerche condotte dalla società di analisi Sensor Tower suggeriscono che appena l'1% della miliardina di utenti di Instagram ha scaricato l'app IGTV autonoma.

L'assenza di metriche da Instagram significa che non è chiaro quanti di questi si sintonizzino attivamente su IGTV. Se i numeri delle singole visualizzazioni sono indicativi, è probabile che gli abbonati regolari di IGTV siano in migliaia. Inoltre, un certo numero di star che Instagram ha promosso per promuovere IGTV ha abbandonato il suo canale poco dopo aver caricato una manciata di video.

E questo è in gran parte il risultato del fatto che Instagram ha perso di vista IGTV dopo i primi mesi. Alla fine del 2018, TikTok dal nulla ha realizzato ciò che Instagram stava cercando di capire – un flusso infinito di video clip verticali – e ha raccolto milioni di utenti in tutto il mondo nel giro di pochi mesi. Nello stesso periodo IGTV ha ottenuto 7 milioni di download, TikTok è salito in classifica con oltre un miliardo di download, un deficit montuoso che il social network di proprietà di Facebook deve superare.

instagram igtv tiktok youtube 2020 analisi socialnetworkingpopularity statista
Statista

Instagram era ad un bivio. Potrebbe continuare a concentrarsi sull'offerta di un'alternativa di YouTube per i video verticali e rischiare di far scivolare via un enorme mercato nuovo o cambiare marcia per assicurarsi che TikTok non cresca più grande di quanto non sia già.

Instagram insegue i concorrenti

L'anno passato di IGTV indica quanto aggressivamente Instagram abbia cercato di affrontarli entrambi.

Nel maggio 2019, ha annunciato il supporto di video panoramici per IGTV , una mossa che molti hanno ipotizzato è stato un tentativo disperato di assicurarsi che non perdesse i creatori non verticali su YouTube. Nel frattempo, l'azienda rifiuta anche di portare la monetizzazione su IGTV, costringendo i produttori di video di lunga durata a rimanere fedeli a YouTube.

Nello stesso mese, Instagram ha rinnovato il feed di IGTV per funzionare più come TikTok che sostituisce il carosello a scorrimento laterale con un unico elenco verticale basato su AI. Non è tutto. Un paio di mesi dopo, Instagram ha praticamente clonato la maggior parte dell'app di TikTok all'interno di Stories in una nuova sezione chiamata Reels. Inoltre, alla fine del 2018, Facebook ha persino rilasciato un clone TikTok dedicato chiamato Lasso.

Questi sforzi hanno finito per spingere IGTV in uno stato equivoco. Nessuno sa più cosa sia esattamente IGTV, incluso Instagram stesso – ed è proprio lì che concorrenti come TikTok sono stati in grado di prosperare.

“TikTok è orientato allo scopo. C'è un'aspettativa su cosa condividere, come condividerlo e perché lo stai facendo, tutto guidato da altri utenti, così come gli strumenti forniti dall'app. Dal punto di vista dell'analista, IGTV ha lo scopo di mantenere più persone all'interno della piattaforma rispetto ad andare in posti come YouTube per contenuti di forma più lunga, ma le aspettative dal punto di vista dell'utente non sono prevalenti all'interno di Instagram al momento. Alcune persone lo usano, altri no. ”John Ratcliffe-Lee, vicepresidente e direttore contabile di Digital Strategy presso Ketchum, ha detto a Digital Trends.

Inseguendo gli influencer

instagram igtv tiktok youtube 2020 analisi tiktokdance getty
Getty Images

Poiché è molto più facile diventare virali su nuove piattaforme, la maggior parte delle personalità di Internet ha abbandonato IGTV e ha scelto TikTok per i suoi ultimi progetti. C'è anche l'ulteriore vantaggio del banchetto di TikTok di strumenti creativi integrati e sfide che consentono agli utenti di spingere regolarmente contenuti di tendenza senza investimenti significativi.

"Penso che tutte le piattaforme più recenti siano un po 'più facili da coltivare. Instagram è più maturo come piattaforma, quindi la crescita è diversa da TikTok. La crescita su TikTok è piuttosto incredibile soprattutto perché i video che funzionano bene vengono spinti sulla piattaforma ”, ha detto a Digital Trends Brent Rivera, che ha circa 19 milioni di follower su Instagram e TikTok ciascuno. "Ho ottenuto alcuni video con oltre 100 milioni di visualizzazioni e uno con oltre 230 milioni di visualizzazioni che sarebbe davvero difficile replicare altrove."

Mentre quasi tutti i canali IGTV hanno una presenza TikTok attiva, non è il contrario. I migliori creatori di TikTok dipendono quasi esclusivamente da esso per la pubblicazione di nuovi contenuti video. Alcuni hanno persino impiegato IGTV per riciclare le loro clip TikTok e ottenere il massimo dal loro lavoro.

Per inciso, non sarebbe un'esagerazione dire che la storia si ripete per Facebook. Il social network in difficoltà si è trovato in una posizione simile quando si è arrampicato per lanciare una chiave nell'ascesa di Snapchat. Il suo ultimo prodotto di successo, Stories, era essenzialmente una copia di una funzione Snapchat simile.

Anche per TikTok la società sta facendo di tutto. Le migliori funzionalità di Copycat? Dai un'occhiata. Rilasciare un clone? Dai un'occhiata. Integrare un prodotto simile a TikTok da qualche parte all'interno di Instagram? Dai un'occhiata. Nell'agosto 2016, Facebook ha quasi acquisito Musical.ly – un'app che sincronizza le labbra che la startup cinese Bytedance ha strappato via e successivamente l'ha unita alla sua piattaforma video, TikTok.

Nel corso degli anni, Facebook si è trasformato in un Goliath di un'azienda e più volte ha dimostrato la sua incapacità di innovare e guidare le tendenze invece di piratarle. Sono passati anni da quando il social network guidato da Mark Zuckerburg ha aggiunto un prodotto unico e di successo al suo portafoglio. Oggi, affronta ancora una volta un David che potenzialmente minaccia la sua ascesa. La domanda è: TikTok avrà successo o finirà per soccombere alle vaste risorse di Facebook?

Correzione 1/25: una versione precedente di questa storia aveva caratterizzato erroneamente una dichiarazione di Rivera.