Il team Rubicon sta rivoluzionando la risposta al disastro. Microsoft vuole aiutare

Nel 2018, le catastrofi naturali sono andate male.

Tsunami mortali hanno colpito l'Indonesia. Gli uragani distruttivi hanno colpito il sud. Gli incendi, una volta stagionali in California, hanno travolto lo stato, lasciando sulla loro scia oltre 1.650.000 acri di terra bruciata e provocando un danno di € 16,5 miliardi di dollari.

Quest'anno non è migliorato molto. Forti piogge e tornado hanno colpito il Midwest e l' uragano Dorian, uno dei più potenti temporali mai registrati nell'Atlantico, ha colpito gli Stati Uniti dopo aver livellato totalmente porzioni delle Bahamas una settimana prima.

I numeri possono sembrare desolati, ma la risposta a tali eventi catastrofici è stata tutt'altro che – basta chiedere a qualsiasi volontario che presti servizio con il Team Rubicon : una società no profit di soccorso in caso di catastrofe che di recente ha collaborato con l'iniziativa Tech for Social Impact di Microsoft per rendere più efficiente la risposta al disastro.

Dal piccolo al sismico

Nel gennaio 2010, un devastante terremoto di magnitudo 7,8 ha colpito Port-au-Prince, Haiti, ferendo centinaia di migliaia e rendendo senza tetto 2,3 milioni di persone. In seguito, due marines – incluso il CEO del Team Rubicon e il co-fondatore Jake Wood – hanno riunito un piccolo gruppo di veterani, professionisti medici e primi soccorritori per fornire assistenza, concentrandosi principalmente sulle popolazioni a rischio e su quelle più vulnerabili; lo stesso principale gruppo demografico che l'organizzazione di Los Angeles serve oggi.

team rubicon collabora con microsoft tech per macerie a impatto sociale
Team Rubicon

È stato adottato un nome. È stata elaborata una dichiarazione di missione libera.

Nel decennio successivo, tuttavia, il Team Rubicon è passato da un team di otto volontari a uno su 100.000. Operazioni in mongolfiera a seguito di Port-au-Prince, l'uragano Harvey e le 400 e altre catastrofi naturali a cui il team ha risposto sin dal suo inizio, ma le infrastrutture e la tecnologia necessarie per mantenere, addestrare e sorvegliare adeguatamente i volontari – il 70% dei quali sono veterani militari – non potevano tenere il passo con la crescita esplosiva del non profit. Il team ha gestito iniziative di donatori e volontari utilizzando una serie di piattaforme, spesso gratuite e messe insieme, ma mancava di efficienza e i dati non venivano trasferiti tra i sistemi.

In qualità di Chief Information Officer del Team Rubicon, Raj Kamachee lo saprebbe. Mentre il team stava riunendo volontari durante l'uragano Harvey nel 2017, ha assistito in prima persona alle insidie ​​di un sistema mentre il team lavorava per setacciare un database di circa 75.000 volontari.

"Stavamo lottando per pompare il maggior numero possibile di volontari", ha detto Kamachee a Digital Trends. "Ci sono voluti tre o quattro volontari seduti dietro una scrivania a dirigere un foglio di Google per inviare un singolo volontario sul campo."

Con Harvey, il Team Rubicon riuscì comunque a collocare più di 1.500 volontari sul terreno in Texas e Louisiana, ognuno con il proprio set unico di abilità e qualifiche adatte a varie operazioni di salvataggio. Altre operazioni hanno seguito il gruppo iniziale di volontari, ma la natura del lavoro che ha richiesto molto tempo ha evidenziato una crescente necessità di cambiamento. Le operazioni di salvataggio sono state l'inizio, dopo tutto. La valutazione dei danni, la gestione dei detriti e la ricostruzione verrebbero più tardi.

"Abbiamo avuto problemi con il nostro sistema di gestione dei volontari e quali qualifiche avevano i nostri volontari", ha aggiunto Art delaCruz, Presidente del Team Rubicon e Chief Operating Officer. "Siamo riusciti, ma certamente non funzionava come avrebbe dovuto."

Un sistema (in) efficiente al lavoro

In apparenza, la gestione dei volontari del Team Rubicon sembra piuttosto semplice. Quando un veterano militare, il primo soccorritore o un civile si iscrivono per fare volontariato con l'organizzazione, si sottopongono a una procedura di verifica prima di diventare schierabili, il che include sottoporsi a un controllo dei precedenti. Devono anche seguire un corso introduttivo che stabilisca la storia del non profit, nonché due corsi FEMA che delineano il sistema di comando degli incidenti, una gerarchia standardizzata che dettaglia come le varie agenzie governative e non governative dovrebbero interagire tra loro quando rispondono a un disastro.

I volontari a bordo fanno parte del processo, tuttavia. Portarli in campo è un diverso tipo di bestia.

Con ogni incidente, ci sono più aspetti da considerare, ognuno dei quali influisce sull'ammissibilità di un determinato volontario. Fattori come la vicinanza all'evento e la recente diffusione di un individuo entrano in gioco, così come la disponibilità attuale e futura. Skillset è un componente ancora più grande, soprattutto perché ogni scenario richiede un diverso set di qualifiche. Se il Team Rubicon sta impiegando volontari per le attività di ricerca e salvataggio all'inizio di un disastro, ad esempio, potrebbero aver bisogno di quelli con un background medico, mentre altri callout potrebbero richiedere operatori di attrezzature pesanti o volontari che possono lavorare in una posizione di leadership senior.

"Quando hai 105.000 volontari e ben 66 operazioni in un determinato anno, devi capire dove si trovano i volontari e il disastro", ha affermato delaCruz. “Dobbiamo anche pensare a quali capacità o abilità sono inerenti al personale che risponde e che tipo di capacità è disponibile. Dobbiamo trovare tutte queste cose e questo è stato letteralmente fatto attraverso il lavoro manuale. "

Inserisci l'acceleratore Microsoft

All'inizio di quest'anno, l'iniziativa Tech for Social Impact di Microsoft ha debuttato con la versione 3 del suo Dynamics Nonprofit Accelerator, una suite di strumenti progettati per fornire alle organizzazioni no profit il tipo di approfondimento necessario per raggiungere i loro obiettivi. In molti modi, il Team Rubicon era un candidato ovvio per il programma. L'organizzazione stava costantemente raggiungendo nuovi traguardi e aumentando il raggio d'azione, ma anche ostacolata da consistenti limitazioni del software.

"Abbiamo visto un team con l'organizzazione e il coraggio – forse anche l'audacia – per cercare di reinventarsi", ha dichiarato Justin Spelhaug, direttore generale di Tech for Social Impact. "Il team voleva raggiungere un nuovo livello di scalabilità in cui stavano implementando una gamma molto più ampia di risposta alle catastrofi".

team rubicon collabora con microsoft tech per l'accelerazione no profit delle dinamiche di impatto sociale

Per Team Rubicon, ciò significava una suite di software che offriva funzionalità pronte all'uso e una gamma di soluzioni personalizzate. Con Dynamics, i dati non vengono più aggregati tramite quattro o cinque origini diverse, consentendo una grande trasparenza generale e semplificando i processi sconnessi che hanno ostacolato il sistema precedente.

Il Nonprofit Accelerator utilizza anche l'intelligenza artificiale per ordinare le qualifiche, la disponibilità e altre metriche dei volontari essenziali per la distribuzione. Il non profit lo sta attualmente implementando solo in casi selezionati (il Team Rubicon può avere fino a 10 operazioni in corso contemporaneamente, inclusi gli sforzi in corso alle Bahamas) ma le future ramificazioni potrebbero essere profonde. La fiorente tecnologia potrebbe consentire al team di mobilitare facilmente tre volte il numero di volontari rispetto a Harvey, liberando risorse aggiuntive nel processo.

Con ciò arriva anche una maggiore facilità d'uso, qualcosa che Wood crede aiuterà con la fidelizzazione, in particolare tra i volontari più giovani e coloro che si sono abituati all'opportunità che la tecnologia moderna offre spesso.

"Dobbiamo eliminare l'attrito nell'esperienza di volontariato", ha spiegato Wood. Puoi richiedere un mutuo al semaforo con il pollice. Puoi ordinare una pizza da Domino e seguirne l'avanzamento mentre si fa strada attraverso il forno e verso la tua porta. I nostri volontari, molti di loro sono millenari o nativi digitali. Puoi ottenere solo uno o due colpi con un volontario perché il loro tempo è troppo prezioso per essere sprecato. ”

Se tutto va bene, sia delaCruz che Spelhaug sperano che la tecnologia possa essere introdotta ad altre organizzazioni di soccorso in caso di calamità e ad altre organizzazioni non profit, compresa quella che rientra nell'iniziativa Tech for Social Impact di Microsoft. Organizzazioni come l'Esercito della Salvezza e l'UNICEF potrebbero non sfruttare l'apprendimento automatico o l'intelligenza artificiale allo stesso livello del Team Rubicon, ma possono sicuramente beneficiare di un ecosistema software che gioca con i loro punti di forza e attività come organizzazione, molte delle quali Spelhaug ritiene centrate sulle questioni più importanti dei nostri tempi.

"Crediamo davvero che, con le persone che abbiamo e il nostro approccio all'innovazione, un sottoprodotto debba essere che altre organizzazioni non profit possono utilizzare gli strumenti che costruiamo", ha aggiunto delaCruz. "Alla fine, è per tutti."

Ti interessa saperne di più? Dai un'occhiata al sito Web del Team Rubicon, dove puoi donare, diventare un partner di raccolta fondi o iscriverti per fare volontariato in uno dei diversi modi.